Scenario futuro sulla stazione della metro Cipro-Santa Maria delle Grazie


AUTORE: Marco Delli Veneri

E’ il 2036 e mi trovo alla stazione della metropolitana “Cipro”. Qualche anno fa è stata ristrutturata con un processo di progettazione partecipata che le ha restituito il ruolo di snodo essenziale sia all’interno del quartiere Trionfale che rispetto all’intera città. Un bellissimo autosilos meccanizzato, con molte centinaia di posti,

1

consente a che viene da zone più periferiche di lasciare l’auto e proseguire a piedi, in autobus oppure in metropolitana. Le direttrici verso le varie zone della città sono chiare e avvicinano luoghi che attualmente non sembrerebbero correlati alla stazione. La struttura dei trasporti di tutta Roma è costruita con nodi di interscambio a distanza approssimativamente di 2,5-3 km l’uno dall’altro, cioè circa mezz’ora a piedi, così da rendere raggiungibile con al massimo un quarto d’ora a piedi praticamente ogni punto della città. Ad esempio la direzione verso i musei vaticani è ben individuabile e sottolineata ed è presente un ascensore inclinato che aiuta a raggiungere viale Vaticano ed i Musei Vaticani da dove, poi, si può raggiungere facilmente Piazza Risorgimento, San Pietro oppure la zona commerciale di via Cola di Rienzo.

2

È stato ridisegnato anche piazzale degli Eroi, con una grande area centrale fruibile con bar e verde, mentre la circolazione delle auto è stata organizzata per rallentare la velocità di percorrenza lungo gli assi circonvallazione Trionfale/via Cipro e viale delle Medaglie d’Oro/via A. Doria, con una sorta di grande rotatoria. Così, piazzale degli Eroi funziona da fulcro anche pedonale rispetto alle direttrici verso piazzale Clodio e verso Monte Mario. Viale delle Milizie, via Candia, la circonvallazione Trionfale e via Cipro, vedono sottolineata la loro vocazione di boulevards in cui coesiste un intenso traffico automobilistico ed una forte presenza pedonale, con marciapiedi larghi ed attrezzati, dovuta al loro carattere commerciale.

3         4

5

Il traffico veicolare dell’ultimo tratto di via Angelo Emo è interdetto e le auto da e per via Candia girano per via della Meloria, via Cipro e via Vittor Pisani, lasciando piazza Santa Maria delle Grazie verso la scalinata per viale Vaticano pedonale.

6

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *